Vai alla pagina su Brigata Sassari

La Brigata Sassari ringrazia la sua protettrice

Il generale Nitti dona alla Madonna del buon Cammino due medaglie della missione in Libano

SASSARI. Un doveroso ringraziamento alla Madonna di Buon Cammino dagli uomini e le donne della Brigata Sassari per la protezione nelle ultime due delicatissime missioni in Libano e Somalia. Il medagliere di Nostra Signora, si arricchisce ulteriormente con le due medaglie donate ieri, dal generale Arturo Nitti, comandante della Brigata Sassari, durante una cerimonia solenne nella chiesa di Sant’Agostino.

Reduci dalla terra dei cedri, i Sassarini, secondo una tradizione ormai consolidata, hanno voluto ringraziare la loro protettrice speciale donando le medaglie commemorative delle due missioni “Leonte XX” e "Eutm Somalia".

Un legame davvero singolare, quello che unisce la Brigata Sassari alla Madonna di Buon Cammino, patrona del gremio dei Viandanti, alla quale tutto il reparto è intimamente devoto. Devozione genuina e spontanea, maturata negli anni, nel corso delle vicende, spesso insidiose, che caratterizzano l’attività dei militari in patria e all’estero. Dentro i confini o nelle missioni internazionali, nei teatri operativi in cui i Diavoli rossi vengono impiegati, l’invocazione alla Madonna è ricorrente tanto che il simulacro o l’immagine di Nostra Signora di Buon Cammino, fanno ormai parte dell’equipaggiamento speciale che il reparto porta con sé quando si sposta. E non è solo un modo di dire, perché il simulacro della Madonnina segue i Sassarini dall’operazione “Strade sicure”, in Campania, Lazio e Sicilia, ma era con loro anche in Afghanistan e Somalia, quindi in Libano.

Nella base libanese di Shama, il cappellano don Gianfranco Pilotto, aveva celebrato una messa, presente la statua della Madonna portata da Sassari, a pochi giorni dall’insediamento della Brigata.

Ieri mattina, durante la funzione a Sant’Agostino, dopo la lettura del Vangelo, il generale Arturo Nitti, affiancato dal colonnello Massimo Pecchinotti, comandante del terzo reggimento Bersaglieri, ha voluto rinnovare il sentimento di profonda devozione alla loro protettrice. La funzione, presieduta dall’arcivescovo padre Paolo Atzei, è stata concelebrata dal cappellano della “Sassari” don Gianfranco Pilotto e dal parroco Davide Onida. Durante l’omelia, il vescovo ha salutato i Sassarini e ringraziato il gremio dei Viandanti, schierato a fianco di Nitti, poi ha ricordato che la Madonna, comunque, in ogni momento è sempre con loro, con

i loro cari, con le famiglie dei caduti, presenti alla cerimonia, assieme agli uomini dei reggimenti 151°, 152° e del Genio. Alla “colonna sonora” hanno pensato la banda musicale della Brigata Sassari e il coro di Codrongianos che per l’occasione ha eseguito brani tratti dal repertorio sardo.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare