Quotidiani locali

Meridiana garantisce la continuità

La compagnia aerea dell’Aga Khan sostituirà l’Alitalia in tutte le tratte da Fertilia (via Olbia) , tranne che per Fiumicino

ALGHERO. A partire dal 19 novembre Meridiana farà base a Fertilia sostituendo Alitalia nelle rotte che l’ex compagnia di bandiera considera «rami secchi», cioè tutte tranne quelle per Fiumicino. Non solo: l’operazione avverrà attraverso la creazione del primo sistema integrato di collegamenti via cielo tra il nord Sardegna e le principali province italiane. La conferma ufficiale di quanto era trapelato nei giorni scorsi è arrivata ieri mattina all’aeroporto di Alghero durante una conferenza stampa organizzata last minute dal management del vettore e dalla Sogeaal, la società di proprietà della Regione e della Sfirs che gestisce lo scalo. A dare l’annuncio, davanti al governatore Ugo Cappellacci, è stato Giuseppe Gentile, amministratore delegato della compagnia fondata nel 1963 dall’Aga Khan con il nome di Alisarda. Sino a marzo 2013 Meridiana offrirà dallo scalo di Alghero 44 voli settimanali aggiuntivi. Dall'aeroporto di Cagliari, invece, il gruppo continuerà ad operare i collegamenti in regime di continuità territoriale 1 per Milano-Linate e Roma-Fiumicino, nonché in regime di continuità territoriale 2 per Bologna, Verona, Torino e Napoli. La programmazione predisposta costituisce dunque un progetto integrato di connettività aerea su base annuale dai tre principali aeroporti sardi.

I voli Fertilia-Linate. Nella Riviera del Corallo di fatto Meridiana prende gli spazi lasciati liberi da Alitalia e avvia i collegamenti in regime di continuità territoriale 1 per Linate, garantendo dal lunedì al sabato un volo quotidiano in partenza alle 7.50 e in arrivo (sino al venerdì) alle 20.05 e il sabato alle 10.45. Mentre la domenica – un po’ anche per andare incontro alle esigenze delle società sportive – si partirà da Fertilia alle 19 e si farà la rotta inversa arrivando in Sardegna alle 22.05.

Le altre destinazioni. Tra il 3 e il 7 dicembre – stavolta in regime di continuità territoriale 2 – decolleranno da Alghero gli aerei con frequenze plurisettimanali per Bologna e Torino e per due nuove destinazioni: Verona e Napoli. Si stima che l’offerta complessiva di posti aerei sul bacino del nord Sardegna (Alghero e Olbia) passi così da 285mila circa del 2011 ai 400mila del 2012, con un aumento totale del 40 per cento.

Scali intermedi. A parte quelli da e verso il capoluogo lombardo, i voli saranno diretti soltanto nel periodo estivo e in occasione di festività e ponti, mentre durante la stagione invernale saranno combinati con l’offerta di Meridiana fly sullo scalo di Olbia. «Una soluzione – spiega Alessandro Notari, direttore commerciale di Meridiana – che attraverso l’integrazione dei due mercati consente di offrire ai nostri passeggeri un ventaglio di voli molto più ampio, ma anche la sostenibilità economica delle rotte». I collegamenti circolari della cosiddetta winter season (in vigore sino alla fine di marzo) prevedono il volo non stop in una direzione e lo scalo intermedio nell’altra. In altre parole chi viaggerà da Alghero verso Bologna, Verona e Napoli all’andata farà quello che Notari definisce un «pit-stop» di circa un’ora all’aeroporto Costa Smeralda, ma al ritorno volerà dritto verso Fertilia. Stesso discorso se la destinazione è Torino, soltanto che in questo caso lo scalo intermedio è previsto a Cagliari.

Gli aeromobili. I collegamenti da e verso Milano verranno operati con un aeromobile a 165 posti, quindi un Md 80. Gli altri voli saranno invece assicurati da Boing 737 (149 posti) e da A320 (180 posti). Niente Atr 42 , dunque, come si era temuto inizialmente. Una presa d’atto che quel tipo di velivolo non è gradito a chi viaggia.

Compagnia di bandiera. «Con lo sbarco ad Alghero – spiega Gentile – Meridiana completa la sua presenza su tutti gli aeroporti dell’isola, dimostrando il suo impegno a garantire la continuità territoriale ai sardi e a sviluppare un reale turismo incoming per il territorio». Per il presidente della Regione Ugo Cappellacci, «con questa iniziativa Meridiana ritorna a ricoprire il ruolo di compagnia di bandiera della Sardegna». Mario Peralda, direttore generale della Sogeaal, si limita a dire che a suo avviso l’importanza di questa operazione non ha bisogno di sottolineature. «Da parte nostra – conclude – abbiamo fatto il possibile e l’impossibile per costruirla in tempi che hanno del miracoloso».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia La Nuova Sardegna
e ascolta la musica con Deezer.3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.