Quotidiani locali

L’ipotesi preliminare contiene due tracciati, uno che scorre lungo viale Bonaria e l’altro in viale Diaz

Metrò leggero: progetto per piazza Matteotti

 CAGLIARI. Tecnici dell'Arst al lavoro per finire il progetto preliminare della metropolitana leggera da piazza Repubblica fino a piazza Matteotti. I tecnici porteranno due tracciati: uno che attraversa viale Bonaria, l'altro che scorre lungo viale Diaz. Oggi ci sarà l'assemblea dei soci di Arst e il progetto in bozza verrà mostrato all'assessore regionale ai Trasporti, Cristian Solinas. I finanziamenti non ci sono, la possibilità di trovarli cadde con la giunta Soru che credeva nell'intero circuito di metropolitana leggera per l'area vasta, ma il problema vero cagliaritano del metrò di superficie non sono mai stati i finanziamenti, che si possono trovare perchè si tratta di un mezzo di trasporto guardato con favore dall'Unione Europea, bensì le resistenze di vent'anni di amministrazione del centrodestra che, col sindaco Delogu, poneva questioni estetiche (il trenino rovina la via Roma), col sindaco Floris poneva invece questioni di tipologia di mezzo: secondo quella visione Cagliari sarebbe città da metropolitana interrata. Così il capoluogo della Sardegna non ha ancora un mezzo di trasporto veloce e finora non si è riusciti neppure a prolungare il tracciato del trenino piazza Repubblica-Monserrato, anche sulle rotte di traffico più sicure, come, appunto, quella per piazza Matteotti che raccoglierebbe gli studenti pendolari provenienti da Capoterra, Assemini, Uta tramite i bus dell'Arst. Con la nuova giunta il veto al metrò di superficie è destinato a cadere: i due candidati che presto si sfideranno al ballottaggio in campagna elettorale hanno dichiarato di voler dare via libera alla metropolitana di superficie.

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia La Nuova Sardegna
e porta il cinema a casa tua!3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.

^M