Dorgali, Giro d’Italia a rischio: allarme dell’opposizione

DORGALI. A rischio il passaggio del “Giro d’Italia”. Anche il gruppo consiliare “Obiettivo Comune” esprime la propria preoccupazione in merito alla disastrosa situazione delle strade di accesso al...

DORGALI. A rischio il passaggio del “Giro d’Italia”. Anche il gruppo consiliare “Obiettivo Comune” esprime la propria preoccupazione in merito alla disastrosa situazione delle strade di accesso al paese, in particolare la strada che collega Dorgali da Oliena, dal Sologo e la strada che porta a Cala Gonone. «Strade di competenza provinciale, con un manto a dir poco indecente che necessita al più presto di essere rifatto. È infatti a rischio la sicurezza di centinaia di persone che giornalmente vi transitano – commeta il capogruppo Lino Fancello – Una situazione già problematica fino a qualche giorno fa, resa ancora più difficile dagli ultimi eccezionali eventi atmosferici di gennaio, che hanno causato la chiusura del ponte di Oloè». Il gruppo di opposizione ricorda, che il 6 maggio è previsto un importantissimo evento sportivo di caratura mondiale, la seconda tappa del 100° giro d’Italia, che dopo vent’anni torna in Sardegna.Una grandissima opportunità per tutta la comunità Dorgalese, per mettere in vetrina le bellezze dei paesaggi e dei luoghi. Uno spot importante per tutte le aziende in particolare quelle a carattere turistico ed enogastronomico che operano nel territorio. «È difficile immaginare che il Giro d’Italia passi nella tratta Oliena-Dorgali – aggiunge Fancello – Non possiamo correre il rischio di perdere questa opportunità, un evento di portata mondiale, che potrà avere per Dorgali un ritorno enorme in termini di

immagine. L’amministrazione comunale si deve adoperare al più presto, in particolare con la Provincia, così come hanno fatto 13 consiglieri regionali, primo firmatario Roberto Deriu, che pochi giorni fa hanno presentato un’interpellanza al Presidente della Regione Pigliaru». (n.mugg.)

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare